CHRISTIAN ZANOTTO
christian zanotto - menu

Between mystery and free will

“We have corrected your work founding it on the miraculous, the mysterious and on authority. And mankind has rejoiced at being once more led, like a flock of sheep, they have rejoiced that their hearts were once more unburdened of the terrible gift of freedom that had caused them so much affliction (...) Why therefore have you come to trouble us? Be it known that today, nay, in this very moment, these men are more convinced than ever that they are perfectly free, but the truth is they have lost their freedom, they have chosen to lay it at your feet..... nothing has ever been more intollerable than freedom for mankind and society!”

Entering more deeply among the pages of “The Brothers Karamazov” by Fëdor Michajlovi? Dostoevskij one bumps into a chapter of extraordinary intensity and meaning: The Great Inquisitor”, in which Ivan Karamazov narrates to his brother Aleksej the project for an allegorical tale he had invented. We find ourselves in Spain in the 16th Century, in the times of the Spanish Inquisition and unexpectedly Christ returns to earth. The people recognise him and he is acclaimed by all, but suddenly the Great Inquisitor appears, and orders the Redeemer to be arrested immediately. The prisoner is condemned to death being accused of having brought confusion into the world, by insinuating the concept of freedom and liberty among people who, however, are not able to use it. The old Inquisitor, as representative of the Church claims that the message of the New Testament, based on love and freedom is unthinkable. 'Mankind,' continues the Inquisitor, must be given material things, so that he can be orientated and subjected. Mankind cannot do without being guided by an authority which decides for him and which “grants” him the goods he requires and satisfies his primary needs. Viceversa the weight of freedom is appalling, as it requires a choice which implies responsibility. These are extremely topical concepts which reflect our contemporaneousness in a society in which time is the despotic tyrant, who establishes and chooses for us the times and modes to which we must adhere. Is it better then to enter a world of certainties, which, however, brings us face to face with conventionalism and with the accepted rules of behaviour and ideology or the open sea of permanent uncertainty, in which, however, we can come up against the winds of freedom, where thought may abbandon itself to the infinite potential of the imagination? God o'clock, or God's time, which, as Christian Zanotto invites us to consider need not be “the instant, sole patron of time” and therefore the “owner” of time, the pupeteer who pulls the strings of other people's lives. The blame that the Inquisitor pours onto Christ's shoulders is that of having gifted men with free will and the prize of heavenly things, even if mankind in his opinion, craves most ardently for worldly things. Therefore probably, the so-called “design”, which should have been at the origin, at the beginning of everything, over the centuries has been distorted, a message manipulated to condescend to the pleasure of those who wish to exploit the infinte potential to manoeuvre time and as a consequence, human life. The institutions, but alas not only these, wear the cloak of deceit and persuasion, even though man should not allow himself to be squashed by the paralysing disease of fear, but should understand clearly the difference between Good and Bad. The perception of God wearing a watch is very clear, a Rolex, maximum example of prestige, a status symbol, which allows him to dominate and dispose of the life of every single individual. In Christian Zanotto's work at first glance we perceive “an exquisite clock”, golden, precious, glistening, dominated by religious references, haloes, priestesses, angelic winged women, free to wander through space. Then on looking again more carefully something de-stabilising happens: the eye is captured by the darkness of eternity and the alluring presence of perpetually glowing figures which absorb within them the essence both of the female and the male, to then dissolve into a sole entity giving birth to androgenous figures, manifestation of our present times. Gold glistens, covers every single thing, and the objects, the contraptions of war or of the superfluous seem to succumb to an anthropomorphous effect, to the point of completely invading the vital space for human life. Eternal glitter, like an infinte and unquenchable yearning, which invades not only our external shell, but which little by little insinuates itself into our deepest conscience, crumbling our feelings only to abbandon us to the desert of decadence. The “things”, worldly or spiritual, that we referred to above have turned into 'things' to nourish and feed war, a hatred invoked at the top of the voice springing from our fear of the unknown, of a future which no longer holds for us the power of hope. Time which has lost the tic-toc of its seconds going by, wanders aimlessly among spaces anchored to remote ages and an unknown epoch, immersed in a suspended space. The scenic structure vibrates within a sacred event, inside which the bodies are wrapped in a hieratic atmosphere and chained to moral pain and to the hovering dramma of death. A time leap through the history of art through the Renaissance, Manierism and the Baroque, accompanied by an atmosphere mysteriously wrapped in gothic darkness. Christian Zanotto knowing very well how hatred, conflict and war are the unhealthy carriers of injustice and inhumanity, chooses crystal as the element onto which to entrust his images. An alchemic procedure in which crystal, the aseptic, motionless and inert substance, is rianimated by means of a chemical reaction obtained through light, using a procedure of photographic exposure, then covering the surface of the crystal with an emulsion of micro-crystals. The result obtained radiates light over the entire work, bestowing an extraordinary clarity to the figures portrayed; the artist moulds his figures in every detail and dimension, using sophisticated softwares and photographic techniques to pick out and fix details like real human skin, fabrics, lace, gold, so as to be able then to create textures with which to cover his figures. They have stolen our time! They have taken away meditation, emotional tension necessary to penetrate the mesh of life, stealing not only our indispensable right of self determination, but even trying to drown us in a sea of chaos, among the din of nothingness which absorbs essential silence. Let us not then remain immobile but, as Zanotto advises and exhorts us, let us enter deeply into the great crystal mirror, unhinging the pre-arranged and chained visions of the ephemeral, and recover the mystery of the world, sensibility as a carnal vibration together with a hymn to life. The pre-established scheme in this work appears in a blood bath of suffering which annihilates reason, which smashes humanity, to the point of producing a virtual alien whose mephistophelic metamorphosis, showing wild features, grows like weeds. Wrapped in a din of music, of lights, of noise, of words, of colour, images on videos flow, among imaginary myticism, multimedia, sensual eros and unconscious thought. The mirror is not only the support, the 'place' of art, but first of all it is the portrait of our time, concentrated more and more on the physical aspect of flesh and bone protected by the smooth skin of superficiality. It is urgent therefore to demonstrate how the skin does not simply wrap the mass of a body, but an individual who inside himself unites organic material and existential spirit.

Alberto Mattia Martini

Translation from Italian by Josephine May

 

Tra mistero e libero arbitrio

“Abbiamo corretto la tua opera fondandola sul miracolo, sul mistero e sull’autorità. E gli uomini si sono rallegrati di essere nuovamente condotti come un gregge, hanno gioito che i loro cuori fossero finalmente sgravati dal dono terribile della libertà che tanti tormenti aveva loro procurato(…) Perché dunque sei venuto a disturbarci? Sappi che oggi, anzi proprio ora, questi uomini sono più convinti che mai di essere perfettamente liberi e invece hanno perso la loro libertà e l'hanno deposta umilmente hai nostri piedi… nulla è mai stato più intollerabile della libertà per l'uomo e per la società umana !”

Addentrandosi tra le pagine dell’opera I fratelli Karamazov di Fëdor Michajlovi? Dostoevskij ci si imbatte in un capitolo di straordinaria intensità e contenuto: Il grande inquisitore, nel quale Ivàn Karamazov narra al fratello Aleksej il progetto di un racconto allegorico da lui stesso ideato. Siamo nella Spagna del XVI secolo, ai tempi della Santa Inquisizione ed inaspettatamente Cristo ritorna sulla terra. Il popolo lo riconosce e lo acclama, ma all’improvviso appare anche il Grande Inquisitore, che ordina l’immediato arresto del Redentore. Il prigioniero viene condannato a morte con l’accusa di avere portato nel mondo scompiglio, insinuando il concetto di libertà tra le persone, che tuttavia non sono in grado di potersene avvalere. Il vecchio Inquisitore, come rappresentate della Chiesa sostiene che sia impensabile il messaggio del vangelo basato sull’amore e sulla libertà. All’uomo, continua l’Inquisitore, vanno dati i beni materiali, in modo che egli possa poi essere orientato e sottomesso. L’uomo non può fare a meno di essere guidato da un’autorità che decida per lui e che gli “conceda” i beni di cui necessita e che ne soddisfi le primarie esigenze. Il peso della libertà viceversa è immane, perché prevede una scelta di responsabilità. Concetti estremamente attuali e rispecchianti la nostra contemporaneità, una società sempre più scandita da un tempo despota, che stabilisce e sceglie per noi modalità e tempistiche alle quali attenerci. Meglio allora addentrarsi in un mondo delle certezze, che tuttavia ci pone in relazione con il conformismo e con le direttive comportamentali ed ideologiche o il mare della perenne incertezza, ma in mezzo al quale possiamo imbatterci nel vento della libertà, dove il pensiero si abbandona tra le infinite potenzialità dell’immaginazione? God o’clock, “è Dio in punto” l’ora di Dio, che come ci invita a considerare Christian Zanotto non deve essere l’istante, l’unico padrone del tempo e quindi il “proprietario”, il burattinaio che può disporre della vita altrui. La colpa che l’Inquisitore riversa su Cristo è quella di avere donato all’uomo il libero arbitrio e il premio del pane celeste, anche se gli uomini a suo parere, ciò che bramano più ardentemente è il pane terreno. Allora probabilmente il così detto “disegno”, che dovrebbe stare all’origine, all’inizio del tutto, è stato nei secoli travisato, manipolato e assunto come messaggio a proprio piacimento da chi ne ha voluto sfruttare le infinite potenzialità per manovrare il tempo e quindi la vita umana. Le istituzioni, ma non solo esse indossano l’abito del’inganno e della persuasione, anche se l’uomo non dovrebbe farsi attorcigliare dal morbo paralizzante della paura, ma avere chiara la differenza tra Bene e Male. Dio indossa un orologio ben percepibile, un Rolex, sommo esempio di prestigio, uno status symbol, che permette e consente di dominare e disporre della vita di ogni singolo uomo. Nelle opere di Zanotto ad un primo impatto visivo ci appare “un’orologeria squisita”, dorata, preziosa e sfavillante, dominata da oggetti e riferimenti religiosi, aureole, sacerdotesse, donne angeliche alate, libere di vagare tra lo spazio. Poi ad uno sguardo successivo accade qualcosa di destabilizzante: l’occhio viene rapito dal buio dell’eternità e le seducenti presenze, emanando luce perpetua assorbono l’essenza del femmineo e del maschile, per poi liquefarsi in unica entità e dare alla luce figure androgine, estrinsecazione e manifestazione del tempo attuale. L’oro rifulge, ricopre ogni cosa e gli oggetti, le macchine della guerra o del superfluo sembrano subire un effetto antropomorfico, fino ad invadere lo spazio vitale dell’umano. Luccichio eterno, come il desiderio strabordante, che investe non solo il nostro involucro esterno, ma che pian piano si insinua nella coscienza, sgretolandone il sentimento per poi abbandonarci nel deserto della decadenza. Il pane a cui abbiamo fatto riferimento sopra si è trasformato nel cibo che nutre e alimenta la guerra, un odio invocato a pieni polmoni dalla paura dell’ignoto, di un futuro che non possiede più la forza della speranza. Un tempo che ha perso il suo tic toc, vaga tra spazi ancorati ad un’età remota e ad un’epoca ignota, immersa in uno spazio sospeso. La struttura scenica vibra entro il mistero dell’evento sacro, al cui interno i corpi sono avvolti da atmosfere ieratiche e incatenati al dolore morale e all’aleggiante dramma della morte. Un balzo temporale nella storia dell’arte tra Rinascimento, Manierismo e Barocco, accompagnato da un clima avvolto misteriosamente nell’oscurità gotica. Chrisitian Zanotto conoscendo perfettamente come l’odio, il conflitto e la guerra siano “portatori insani” di ingiustizia e disumanità, si affida al cristallo come elemento sul quale impressionare l’immagine. Un procedimento alchemico nel quale l’asettico, immobile ed inerte cristallo viene rianimato attraverso una reazione chimica ottenuta tramite la luce, con un procedimento di esposizione fotografica, per poi emulsionare la superficie con micro-cristalli. Il risultato ottenuto irradia luce sull’intera rappresentazione, donando una straordinaria definizione alle figure ritratte; l’artista le plasma in ogni loro particolare e dimensione, avvalendosi di sofisticati software e dell’utilizzo della fotografia per individuare ed immortalare dettagli quali vera pelle umana, tessuti, pizzi e oro, in modo da poterne poi creare textures con le quali rivestire i soggetti. Ci hanno rubato il tempo! Si sono portati via la meditazione, la tensione emotiva necessaria per poter insinuarsi tra le maglie della vita, impossessandosi non solo dell’imprescindibile possibilità di scelta, ma addirittura cercando di annegarci nel mare del caos, tra lo schiamazzo di quel nulla, che assorbe l’essenziale silenzio. Non rimaniamo dunque immobili, ma come ci esorta e consiglia Zanotto, entriamo, addentriamoci nel grande specchio di cristallo, scardiniamo le prestabilite ed incatenanti visioni dell’effimero, e recuperiamo il mistero del mondo, il sentimento come pulsione carnale unitamente all’inno alla vita. Lo schema prestabilito appare in queste opere con un bagno di sangue, una sofferenza che annulla il ragionamento, che frantuma l’umano, fino a produrre un essere alieno, virtuale, la cui metamorfosi mefistofelica, assumendo sembianze ferine, si inerpica come una gramigna. Avvolte dal frastuono della musica, delle luci, dei suoni, delle parole e del colore, le immagini dei video scorrono, tra mistica, immaginario, multimedialità, eros sensuale e pensiero inconscio. Lo specchio non è solo il supporto, il luogo dell’arte, ma è ancora prima il ritratto della nostra epoca, sempre più concentrata sulla fisicità di carne e ossa, custodite dalla pelle liscia della superficialità. Occorre allora dimostrare come il derma non avvolge semplice massa corporea, ma un individuo che unisce al suo interno materia organica e spirito esistenziale.

Alberto Mattia Martini

christian zanotto - texts